lunedì 26 dicembre 2011

Scorzette d'arancia candite

.



Premetto che questa ricetta l'ho presa dal blog di Laura e devo dire che la ricetta oltre ad essere spiegata benissimo ,ha anche la particolarità di riuscire perfettamente.

Per gli ingredienti :
  • 5 arance grandissime (circa 1,8 kg)
  • 450 g di zucchero + quello per rotolarci le scorzette
  • 750 g acqua
Ricordiamo di lavare bene sotto l'acqua calda corrente le arance anche se sono biologiche. La cautela non è mai troppa in questi casi.
Vi consiglio di andare a vedere le foto del blog di laura ,io non mi sono sentita di copiarle e incollarle qui .
Detto ciò vi spiego cosa fare. Prendete le arance e tagliate le basi che verranno gettate.
Dopodiché si tagliano in modo che anche parte della polpa venga presa;praticamente dovete ricavare un cubo di polpa.
A questo punto tagliare la scorza a striscioline,metterle in una pentola coperte di acqua fresca e portare al bollore per 5-7 minuti. Dopo ciò si scolano e si rimettono a bollire un'altra volta con lo stesso procedimento e con gli stessi tempi. Ripetere questa operazione un'altra volta soltanto e poi scolarle;in tutto le operazioni di bollitura sono '3 '.questo toglierà l'amaro alle bucce e le renderà più gradevoli al palato.
Poi si prende una larga padella o una teglia e si mette l'acqua pesata e lo zucchero ;si mette sul fuoco il tempo di sciogliere lo zucchero e si aggiungono le scorzette tutto in un solo strato. Ora lasciar cuocere senza coperchio finchè l'acqua non evaporerà del tutta. Attenzione a non fare caramellare lo zucchero.
Si tolgono una ad una dalla teglia e si mettono a gocciolare su una gratella anche per 2 giorni.Pprima di metterle a gocciolare si possono passare nello zucchero semolato ;si possono immergere anche nel cioccolato fuso fondente fuso e in questo caso non c'è bisogno di passarle nello zucchero.
Ho lasciato la maggior parte di scorzette così al naturale perchè l'uso finale sarà per fare i dolci. E ho accolto con molta gioia il consiglio di Laura di poter congelare le scorzette così dureranno molto di più. Infatti se lasciate a temperatura ambiente devono consumarsi entro 10 giorni,almeno così ho letto in giro per altri siti .
Ottimo come fine pranzo per rifarsi la bocca dolce,o come decorazione per la mia tipica cassata ;oppure per la preparazione di dolci come le nastrine .
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...