venerdì 13 settembre 2019

Patè di riso alla Norma | Rosticceria siciliana

C'è chi li chiama patè di riso, c'è chi le chiama romane, chi ancora arancino al forno.
In qualunque modo si chiamino, questi pezzi di rosticceria siciliana sono squisiti.
Nel canale esiste già una prima versione , ma quest'oggi voglio proporvene una seconda versione, alla norma.
Spero vi piacciano tanto quanto sono piaciuti a noi.

Ingredienti :
- Riso al sugo ( per la preparazione si può seguire questa ricetta )
- 2 Rotoli di pasta sfoglia rettangolare
- 2 Melanzane medie fatte a fette e fritte

Preparare il riso e le melanzane fritte e lasciare intiepidire tutto.
Dopodiché stendere la pasta sfoglia. Al centro stendere una fila di melanzane fritte e sopra metà circa del riso preparato. Chiudere il rotolo adagiando un lato della pasta sfoglia sul riso e di sopra l'altro. Premere leggermente con le dita per sigillare bene.
Tagliare in vari pezzi di 4/5 cm di larghezza ed adagiare ogni pezzo sulla placca del forno già foderata con carta forno.
Infornare in forno preriscaldato a 200° e cuore per 25/30 minuti o fin quando i patà non prenderanno un bel colorito.

Servire tiepidi.

Buon appetito.

mercoledì 4 settembre 2019

Cotolette di melanzane


Ingredienti :
- Melanzane
- Pangrattato
- Uova
- Formaggio grattugiato
- Sale e pepe
- Olio di semi di girasole

Procedimento.
In questa ricetta non ci sono dosi, poiché va a gusti personali.
Si inizia lavando le melanzane e togliendo la buccia ( io non la tolgo totalmente, ma solo a strisce alternate). Si affettano e si mettono a strati dentro ad un contenitore, salando leggermente ogni fetta. Sopra il contenitore va posto un recipiente pieno d'acqua, così da far peso, e si lascia riposare per un'oretta.
A parte condire il pangrattato con sale, pepe e formaggio grattugiato, e in un altro piatto concavo sbattere le uova.
Trascorso il tempo di riposo delle melanzane, prendere ogni fetta, asciugarla con carta da cucina, passarla nell'uovo e poi nel pangrattato.
Friggere ogni fetta in olio ben caldo fino a doratura da entrambi i lati.
Servire calde.
Buon appetito!

martedì 27 agosto 2019

Pasta alle vongole fujute ( a modo mio )

Ingredienti :
Spaghetti
Pomodorini ciliegino o piccadilly
Alici sotto sale o, in mancanza, quelle sott'olio
Aglio
Olio di oliva
Prezzemolo

In questa ricetta non ci sono dosi precise, sono andata a sentimento ( e comunque stavo cucinando solo per me :D ).
Altra cosa importante : questa è una ricetta molto nota e in origine non prevedeva l'uso delle alici, quindi questa, come tante altre simili, vuole essere la mia versione della pasta alle vongole fujute.
Si inizia tritando l'aglio. Le alici, se sotto sale, vanno sciacquate e tolta la lisca, e poi tagliate a piccoli pezzi.
In un tegame dai bordi alti versare un filo d'olio e l'aglio. Far rosolare leggermente, quindi aggiungere le alici e mescolare per farle sciogliere.
Aggiungere a questo punto i pomodorini tagliati a metà o in quattro parti e lasciar cuocere a fuoco dolce, aggiungendo un paio di piccoli mestoli di acqua di cottura della pasta, che nel frattempo sarà stata messa sul fuoco.
Appena l'acqua della pasta starà bollendo, gettarvi dentro gli spaghetti e cuocere al dente.
Unire gli spaghetti al sugo di alici e mantecare con una generosa spolverata di prezzemolo tritato. Se necessario aggiungere un altro mestolo di acqua di cottura della pasta per aiutare la mantecazione.
Servire e gustare.
Buon appetito.

sabato 24 agosto 2019

Una casalinga sempre più smart

Ciao a tutti e ben ritrovati nel mio blog.
Oggi voglio parlarvi della mia passione per la tecnologia, avuta fin da piccola.
Infatti, già da bambina ero attratta al mondo dell'informatica. Passione che poi si è rafforzata sempre di più, ed oggi, non lo nego, sono una smartphone ( quasi ) dipendente. Ossia che mi piace "aiutarmi" il più possibile attraverso l'uso di internet e delle app che oggigiorno facilitano tanto anche le piccole cose quotidiane, come ad esempio pagare una bolletta, ricaricare il telefono, persino un aiuto su come differenziare al meglio i rifiuti domestici. Sembrerà una sciocchezza quest'ultima, ma ogni Comune ha le sue regole, e vi assicuro che non è facile stare dietro a tutte le regole e regoline, quindi ben venga un App che spieghi ed indichi come separare bene i rifiuti.
Ad ogni modo, non volevo parlarvi di questo, ma precisamente di un nuovo progetto tester che sta facendo l'azienda LG per la nuova lavatrice intelligente AI DD  .
Già il nome è un programma, ma leggendo le caratteristiche, devo dire che ne sto rimanendo molto estasiata.
Una lavatrice molto tecnologica e smart, come piace a me.
Difatti, leggendo le caratteristiche, noto che si può gestire anche dal cellulare, cosa che per me non è poco poichè nel mio comune viene a mancare sempre l'acqua. Ogni giorno praticamente. Quindi, per me, sarebbe molto utile e comodo poter gestire, anche da fuori, la lavatrice.
Sapete quante volte sono uscita di mattina che l'acqua non c'era ancora, per tornare a casa nel pomeriggio e ritrovarmi ancora i panni da lavare? Spesso, molto spesso, credetemi.
Con la tecnologia smart della nuova lavatrice LG AI DD risolverei di colpo la maggior parte dei problemi legati, per l'appunto, alla mancanza d'acqua.
Inoltre ho letto che si possono fare lavaggi brevi con il massimo risultato e che le dimensioni sono ridotte, però mantenendo una capacità interna maggiore. Altre cose molto, molto interessanti, specie ora che ho rifatto la lavanderia e sto rimodulando tutti gli spazi.
Ho letto anche che la lavatrice AI DD ha uno scanner che analizza la quantità dei capi, il tessuto e, così, adatta i movimenti del cestello per una cura maggiore.
Anche questo sarebbe, per me, un bel passo avanti, visto che di pasticci con i lavaggi ne combino parecchi.
Mi ricordo ancora di quando infilai per sbaglio il maglioncino di pura lana di mio figlio, ancora piccino, e, quando lo tirai fuori dalla lavatrice, si era talmente infeltrito che potevo metterlo solo ad un piccolo peluche.
Concludo.
Questo articolo non vuole essere una sviolinata all'azienda per essere scelta per testare la lavatrice.
Quanto ho scritto è reale, ossia che mi piace la tecnologia e tutto ciò che ho scritto.
Certo, mi farebbe moltissimo piacere avere la possibilità di ricevere una lavatrice ipertecnologica gratis, e soprattutto mi farebbe tanto comodo ora come ora, perchè la mia attuale lavatrice funziona ancora ma all'esterno si è rovinata a causa di dove e come era tenuta prima di fare i lavori di ammodernamento della lavanderia.
Pertanto, se l'azienda vorrà farmi provare il loro nuovo prodotto ne sarei contenta, altrimenti sarà il mio prossimo desiderio d'acquisto.

Nicoletta

P.S.
Grazie di aver letto fino in fondo l'articolo.

#LGAIDD

domenica 18 agosto 2019

Fichi secchi maritati

Ingredienti :
- Fichi
- Mandorle a piacere

Procedimento
Scegliete i fichi integri, lavateli e asciugateli.
Disponeteli su un vassoio o una tavola di legno, interi o tagliati a metà, e poi sotto il sole caldo estivo.
Copriteli con un velo se necessario, onde evitare che insetti e polvere vi cadano sopra.
Alla sera, ritirarli dentro casa e girarli nell'altro verso, quindi il giorno dopo vanno rimessi di nuovo fuori ad essiccare.
Ripetere per più giorni, fino a quando i fichi non si saranno disidratati e il colorito divenuto più scuro.
A quel punto, i fichi tagliati a metà si possono riempire con una mandorla a testa, e poi chiusi nuovamente.
L'essiccazione và completata in forno preriscaldato a 180°, disponendo i fichi su una teglia foderata con la carta forno, per 10/15 minuti.
Lasciar raffreddare e riporre queste prelibatezze dentro un contenitore di vetro, di latta o anche di plastica, purché siano a chiusura ermetica.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...