martedì 22 agosto 2017

Pomodori secchi al naturale e sott'olio| Conserve



Estate, tempo di conserve.
Nostalgica di quando ero piccola, quando mia madre preparava i pomodori secchi sul balcone di casa, anch'io quest'anno ho voluto cimentarmi in questa antica tradizione del sud.
Per preparare i pomodori secchi ho unito l'esperienza di mia madre e quella di mia suocera e il risultato è quello che vedete nel video e nelle foto qui sotto.

Il procedimento è relativamente semplice, pochi ingredienti ma uno indispensabile : il sole caldo.

Quindi, ciò che occorre per preparare i pomodori secchi sono :
- Pomodori ben maturi ma sani
- sale
- basilico e aglio a piacere
- olio di oliva o di semi

Si procede lavando i pomodori e tagliandoli a metà.
Disporli poi su un tagliere o una grata ( va bene anche quella del forno) con la parte tgliata rivolta verso l'alto, quindi si cospargono generosamente di sale.
A questo punto si posiziona il tagliere fuori al sole e si lasciano lì a disidratarsi per tutta la giornata.
Quando cala il sole, si rivoltano i pomodori al contrario, di modo che possano cedere l'acqua di vegetazione, e se il tempo è umido si riporta il tagliere dentro casa, altrimenti si può lasciare anche fuori all'aria aperta.

Piccola nota e accortezza : è preferibile coprire i pomodori, sia di giorni che di notte, con un telo bianco traforato tipo il velo del matrimonio o comunque una rete ( io ho utilizzato una tenda zanzariera nuova inutilizzata), di modo che il sole possa attraversare il tessuto ma gli insetti no.

Il mattino dopo si rigirano i pomodori di nuovo con la parte tagliata verso l'alto e si lasciano nuovamente al sole per l'intera giornata. Alla sera si ripeterà lo stesso procedimento della sera prima.

Tutto ciò va ripetuto per giorni ( possono volercene 3 come anche una settimana, a seconda di quante sono calde e assolate le giornate), fino a quando i pomodori non saranno ben disidratate ma mantenendo ancora un po' della loro morbidezza.

A questo punto vanno ritirati e preparati per la conservazione.

Conservazione al naturale :

Far bollire una pentola d'acqua, gettarvi i pomodori secchi, mescolare e tirarli subito fuori.
Quindi disporli nuovamente sul tagliere pulito e farli asciugare nuovamente al sole, da un lato e dall'altro.
Una volta asciutti, i pomodori secchi si potranno conservare in un contenitore ermetico, anche di plastica, foderato con carta forno, e riposto in frigo.
Questo è il metodo usato da mia suocera e che permette una conservazione lunga anche di due anni.

Conservazione sott'olio :

Sterilizzare i barattoli di vetro tramite bollitura o al forno ( prediligo il secondo metodo, più veloce e comodo per me in quanto basta mettere in forno i barattoli e i coperchi in forno preriscaldato a 140° per 10/15 minuti )

Inserire i pomodori secchi dentro i barattoli intervallandoli con aglio tagliato a fette o tritato ( questo è a gusto personale), foglie di basilico e un filo d'olio.
Quando il vasetto sarà riempito, versare l'olio fino all'orlo o comunque fino a coprire abbondantemente la superficie dei pomodori secchi.
Aspettare che fuoriuscano le eventuali bollicine d'aria, magari battendo leggermente il fondo, poi chiudere con il relativo coperchio.
Controllare di tanto in tanto se l'olio nel frattempo scende e in tal caso rabboccarne ancora fino a coprire nuovamente i pomodori.
Conservare i barattoli in dispensa, magari non a contatto con la luce.








Qui il video :


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...